,

Educare alla libertà

educare alla libertà

Educare significa tirare fuori tutto il potenziale del cane, ovvero l’insieme di qualità e facoltà mentali, sociali, emozionali e comportamentali ancora inespresse. Significa guidare il cane a liberare tutte le potenzialità che la sua mente nasconde.

Quando insegniamo dei comportamenti al nostro fedele compagno o facciamo dei giochi con lui, gli stiamo offrendo l’opportunità di provare una grande varietà di emozioni e di esprimere, allenare, perfezionare le sue competenze cognitive e di crearne di nuove, agevolando lo sviluppo di altre abilità e potenziando o modificando quelle già apprese. E’ ciò che lo psicologo Reuven Feuerstein chiama MODIFICABILITA’ COGNITIVA.

Il cervello è costituito da una fittissima rete neurale, forma continuamente nuove connessioni sinaptiche, rinforzando o eliminando quelle già esistenti. Questa proprietà del sistema nervoso è detta NEUROPLASTICITA’, ed è stimolata dalla memoria e dall’apprendimento e, quindi, dalle esperienze che facciamo del mondo ogni giorno. Quando il cane sperimenta un’emozione positiva, uno stato di calma, o impara un nuovo comportamento, vengono create altre vie neurali che si consolideranno ogni volta che rivivrà quell’esperienza. In questo modo il cervello è in grado di trasformare struttura e funzionalità, e il cane sarà più veloce e flessibile ad imparare nuovi compiti.

Giocare insieme e condividere attività divertenti, come il problem solving, la ricerca olfattiva, la mobility, è di beneficio alla relazione e consente al nostro amico di migliorare ed apprendere competenze come attenzione, concentrazione, autocontrollo, autoefficacia; potenzia memoria e velocità di apprendimento, e favorisce stati emozionali preposti alla calma e alla felicità.

educare alla libertà

Offrendogli le condizioni adatte a sviluppare nuove capacità e strategie mentali, il cane avrà, così, molti più strumenti a disposizione che gli consentiranno di diventare via via più autonomo nelle scelte del comportamento adeguato alle varie circostanze.

  Noi siamo dei mediatori.

Vygotskij e, successivamente, Feuerstein furono i primi a considerare fondamentale la figura del mediatore.

Partendo dallo sviluppo cognitivo attuale del cane e da ciò che ha appreso fino a quel momento, abbiamo la possibilità di favorirne le condizioni di apprendimento cognitivo e sociale adatte, guidando il nostro amico a quattro zampe verso esperienze di vita piacevoli e formative. In questo modo, avrà l’occasione di fare esperienza autonomamente, sviluppando libertà e capacità di pensiero, ma con la certezza di trovare in noi un compagno fidato in grado di offrirgli supporto in caso di difficoltà.

Soddisfacendo i suoi bisogni, aiutandolo ad accrescere la sua autoefficacia e le sue sicurezze, si sentirà sempre più motivato ad aprirsi a nuove esperienze, manifestando un crescente interesse verso attività esplorative, di gioco, di creatività.

educare alla libertàCome mediatori, quindi, abbiamo un ruolo chiave nella formazione del carattere del cane e nella sua crescita cognitiva, sociale ed emozionale. Siamo agevolatori dell’apprendimento e della relazione e attraverso l’empatia, la fiducia e una buona comunicazione possiamo aiutare il nostro amico ad esprimere tutto il suo potenziale e ad essere libero di scegliere tra le diverse alternative quella più adeguata alla situazione in cui si trova.

1 commento
  1. Roberta bottini
    Roberta bottini dice:

    È possibile avere un contatto una app oppure un buon manuale l’argomento mi interessa e cerco di metterlo in pratica ma con una guida sarebbe meglio

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.