,

Lupi Alfa? – Video di David Mech

A proposito del comportamento sociale del lupo, David Mech, tra i più grandi esperti al mondo di questa specie, così vicina al cane, ci spiega come stanno le cose in questo video.

Sotto, nel testo, la trascrizione tradotta di quando dice.

 

 

Traduzione e trascrizione a cura di Francesca Grazi (allieva in formazione presso ThinkDog).

—-

<<Nella maggior parte dei casi, l’uso del termine ALFA per descrivere i lupi capobranco non è poi così corretto, in quanto implica che i lupi si siano confrontati e battuti ferocemente per arrivare in cima alla piramide gerarchica del branco.

In realtà essi raggiungono tale posizione semplicemente accoppiandosi con un membro del sesso opposto, con il quale generano una prole che andrà a formare il resto del branco ed è così che diventano i leader naturali… proprio come una coppia di umani che mettono su famiglia [e ne risultano naturalmente i capofamiglia n.d.t].

Invece di usare il termine “alfa”, cioè, anziché dire “maschio alfa” o “femmina alfa”, gli scienziati tendono ormai a definire i lupi di tale rango “maschio riproduttore” e “femmina riproduttrice”… oppure possiamo definirli “mamma lupa” e “padre lupo” e non c’è proprio nulla che stoni in queste definizioni: sono senz’altro migliori del termine “alfa”, più precise e più adeguate.

In realtà io stesso ho una grossa fetta di responsabilità nell’utilizzo [improprio] del termine “alfa” con riferimento ai lupi… nel 1970 ho pubblicato un libro* (di cui al momento esistono circa 110.000 copie in circolazione) nel quale definivo “alfa” i lupi che si trovano in cima alla scala gerarchica del branco; e l’ho fatto perché queste erano le conoscenze scientifiche dell’epoca… ma da quel momento abbiamo fatto grandi passi avanti ed acquisito nuove informazioni!

Il libro è stato pubblicato nel 1970 e nei 35 anni a seguire abbiamo imparato molto sull’argomento; una delle cose che abbiamo scoperto è che l’utilizzo della parola “alfa” risulta decisamente inappropriato per la maggior parte dei lupi capobranco.

È corretto usare il termine “alfa” in un branco “artificiale” in cui si è deciso di inserire –e far convivere– vari lupi provenienti da gruppi diversi, o lupi non imparentati, ecc.: in tal caso essi formerebbero un “ordine gerarchico di branco” o una gerarchia di dominanza e sarebbe possibile definire “alfa” l’animale che si trova nella posizione più alta.

Tuttavia ciò si verifica raramente in natura (direi quasi mai), quindi… questo sarebbe uno dei [pochi] casi in cui si può usare la parola “alfa”…
Un altro caso è quello del branco complesso –o “multiplo”–, con più soggetti riproduttori: a Yellowstone, ad esempio, ci sono stati branchi con ben tre femmine riproduttrici ed in casi come questo la femmina di rango più elevato, che è in genere la madre, si può definire “femmina alfa”. Certo, se si vede la cosa in un’ottica globale, considerando i branchi di lupi che si trovano in tutto il mondo, va detto che questo fenomeno è raramente osservabile. >>

*[Mech, L. D. 1970 – “The Wolf: The Ecology and Behavior of an Endangered Species.” http://www.davemech.org/books.html >>> http://www.upress.umn.edu/book-division/books/the-wolf]

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.