Articoli

, ,

Perché il gioco… non è solo un gioco!

Quando pensi al gioco con un cane, qual’è la prima immagine che ti viene in mente?

Perché il gioco… non è solo un gioco!Probabilmente la classica pallina, il tira e molla, il rincorrersi… bene!

I giochi che puoi fare insieme al tuo fedele compagno sono certo molti altri, ma anche solo partendo dalla classica pallina puoi insegnare al tuo cane tantissimi comportamenti: puoi insegnargli il resta, l’aspetta, puoi renderlo più abile a non concentrarsi solo sulla pallina ma anche su di te, puoi aggiungere al suo bagaglio di competenze una varietà di comportamenti che troverete utili nella vita di tutti i giorni!

E tutto questo… divertendovi insieme! Il vostro legame si rafforzerà, tu diventerai interessantissimo ai suoi occhi perché da una semplice pallina tirerai fuori infiniti giochi e dialoghi sempre nuovi!

Guarda questo breve video, molto casalingo: il protagonista è Zago, il “classico border collie” che va matto per la pallina, che qualche anno fa non ci pensava nemmeno a lasciarmi in mano il suo gioco preferito!

Ora, non solo la lascia in mano, a terra e si allontana, rimane fermo mentre la lancio per poi andarla a prendere, la lascia e viene con me in un’altra direzione, ma facciamo anche alcuni esercizi con lui che aspetta il mio “vai a prendere” per mettere il naso a terra alla ricerca della nostra adorata pallina!

Tutti questi giochi sono una palestra quotidiana per noi e per loro. Sono attività semplici, è vero, ma richiedono tanta pazienza e un’ottima conoscenza del proprio cane per poter calibrare bene tempi e modi dei momenti di gioco.

Nella vita di tutti i giorni possiamo riprendere, in ogni momento, quelle parole che il nostro amico a 4 zampe ha imparato ad associare ad un comportamento (come il “lascia”, “resta””, aspetta”, “indietro”, “guarda”, “andiamo”, “vicino”, “vai!”, etc.) e creare il nostro linguaggio verbale e corporeo, cioè il nostro alfabeto!

,

La passeggiata… con due cani!?!

la passeggiata con due caniSi dice che quando adotti un secondo cane non hai “problemi”, impegni, pensieri raddoppiati, ma moltiplicati esponenzialmente… ed è vero!

Ogni cane ha un proprio carattere, una propria personalità, tempi di risposta diversi, bisogno di attenzioni o al contrario necessità di calma e riposo; a qualcuno piace da matti la pioggia, ad un’altro anche solo un soffio di vento lo porta ad accoccolarsi al calduccio sul divano; c’è chi non smetterebbe mai di giocare con qualunque cosa si muove e chi invece sbadiglia con aria perplessa di fronte a tanta energia.

E quando ti trovi a portare in passeggiata due caratteri così diversi… cosa succede???
Tutto comincia da quando inizi a pensare: “E’ ora della passeggiata!”

I tuoi due pelosetti chiaramente già hanno capito! Uno si precipita alla porta tutto felice e agitato mentre l’altro si nasconde sotto al tavolo perché di uscire proprio non ne vuole sapere… e non parliamo poi di farsi mettere pettorina e guinzaglio!?!

Dopo 10 minuti passati a cercare di infilare la pettorina al primo, che salta come un grillo, e ad accovacciarti sotto al tavolo per convincere il secondo a vestirsi per uscire… eccoti lì che ti destreggi anche con la porta di casa ma…cavoli!? Ti sei dimenticata i sacchettini per i bisogni e devi rientrare…

Bene, finalmente riesci ad imboccare la via d’uscita, scusandoti con il vicino di casa che nel frattempo è rimasto intrappolato in mezzo ai 2 guinzagli flexi…

Ma la battaglia non è finita qui… è appena inziata! Un cane vuole andare al solito parchetto per giocare con gli amichetti, l’altro invece ti guarda con quegli occhioni sornioni che ti supplicano “Non sottopormi anche questa volta a quella tortura di tutti quei quadrupedi che, per un’ora intera, mi saltano addosso!!!”… ma in quale altro posto potresti andare con questi due esseri pelosi se non in un’area apposta per fargli sgranchire le zampe???

Non sempre puoi avventurarti per la città o in un parco pieno di odori…tanto più se c’è il rischio che ti stacchino le braccia a forza di tirare al guinzaglio!

Eppure, se ci pensi bene una soluzione c’è! E come spesso succede è la più semplice, banale, intuitiva…

Porta fuori i tuoi due pelosi UNO ALLA VOLTA!!! Per lo meno le prime settimane, poi potrai alternare uscite a dieci zampe con uscite a sei zampe! E non devi stare fuori il doppio del tempo, dividi ogni uscita in due tempi uguali!

Entrambi i tuoi cani ti ringrazieranno perché ti avranno tutta/o per loro! Tu tornerai improvvisamente ad speciale ai loro occhi, e il tuo legame con loro ne risulterà rafforzato.

Ma partiamo dalla vestizione più idonea: pettorina (un buon esempio è questa http://www.haqihana.com/ita/indexita.html), e un guinzaglio non di quelli flexi ma lungo almeno tre metri, per permettere ai tuoi amici a 4 zampe di annusare e di esplorare con più libertà di movimento. Se la vostra passeggiata però è tra la gente, in città, andrà accorciato secondo gli standard di legge a 1,5 mt, per mantenere in sicurezza il tuo cane e chi hai intorno, nel pieno rispetto di tutti. Ricordati comunque di evitare che il guinzaglio resti teso, facendo gli opportuni esercizi ogni volta che ne hai l’occasione.

Esci subito con il cane più entusiasta, cercando chiaramente di calmarlo prima di affrontare il mondo esterno insieme.

Il pelosetto che aspetta a casa riceverà in premio un bel kong ripieno di prelibatezze, con il quale l’attesa sarà più dolce!

Chiaramente la passeggiata, i giochi e gli esercizi all’aria aperta dovranno essere personalizzati per ogni tuo amico, a seconda delle specifiche esigenze di ognuno, ma puoi scegliere anche qualche attività da proporre prima a uno e poi all’altro, separatamente nei primi tempi, ma uguale (per esempio il seduto).

Prenditi almeno due o tre settimane di tempo per lavorare con loro distintamente e migliorare, poi prova a uscire con entrambi i tuoi compagni d’avventura… fai gli esercizi che hai insegnato ad entrambi chiedendo l’attenzione di tutti e due contemporaneamente.
Vedrai che sì, questa ora è una vera passeggiata a 10 zampe!!!