I levrieri primitivi

I levrieri primitivi (primitive hounds) e i levrieri orientali (sight hounds)

I levrieri primitiviIl levriero più antico (pharaoh hound) risale addirittura a circa 5600 anni fa, ne troviamo molte raffigurazioni nelle tombe dei faraoni. Dal levriero dei faraoni hanno tratto origine e si sono diffuse molte razze simili in tutto il Mediterraneo.

I levrieri primitivisono cani molto longilinei, adatti alla corsa e specializzati alla caccia al coniglio che individuano e seguono a vista. Hanno testa piccola e orecchie erette, taglia variabile da piccola a grande, mantello fulvo-rosso con poco bianco. Zampe lunghe e potenti, muso e petto stretti a garantire aerodinamicità, la muscolatura armoniosamente sviluppata. Nell’antichità erano cacciatori, poi sono diventati corridori altamente specializzati nei cinodromi, ora sono considerati perlopiù cani da compagnia, eleganti e timidi con gli estranei.

Di questo gruppo fanno parte:

Cirneco dell’Etna – leggermente più piccolo degli altri del gruppo, si differenzia perchè nella caccia utilizza l’olfatto anziché la vista. La forma delle dita e la robustezza dei cuscinetti lo rendono particolarmente adatto a camminare sulle rocce vulcaniche. Il colore riconosciuto dagli standard di razza è il fulvo più o meno intenso, isabella e sabbia, con marcature bianche. Cane molto intelligente e molto longevo, indipendente e solitario, non sempre socievole con le persone

Podengo portoghese – esiste in tre taglie (piccolo, medio e grande) e due varietà di pelo (raso e duro). Secondo la taglia è impiegato nella caccia in tana, conigli o selvaggina più grande o anche per la guardia.

Podengo ibicenco – prende il nome dall’isola di Ibizia. Cane molto robusto e riservato, timoroso con gli estranei. Caccia in muta composta da sole femmine e utilizza l’olfatto.

Africanis land race – la morfologia è molto variabile tra il tipo levrieroide e il pariah perchè è sempre stato dato più peso alle caratteristiche caratteriali piuttosto che a quelle fisiche. Inoltre la popolazione così eterogenea ha portato enormi vantaggi in termini di adattamento e resistenza alle malattie infettive, infestive e genetiche. E’ un cane da villaggio, molto indipendente, aggressivo se minacciato, riservato e sospettoso, perciò un ottimo guardiano oltre che un gran cacciatore.

Un’ulteriore specializzazione dai levrieri primitivi ha dato origine ai levrieri mediorientali (Sloughi e Saluki), e a quelli nordafricani (azawakh).

Slougi o Levriero Arabo  – di taglia grande ma leggerissimi, con i colori tipici del deserto, è il cane delle tribù nomadi del sahara e della penisola arabica. Si distingue per l’aspetto nobile, lo sguardo fiero e un’aria quasi arrogante. Erano impiegati nella caccia alle gazzelle.

Saluki o Levriero Persiano – probabilmente una varierà dello sloughi, con più varietà nei colori e lunghe frange di pelo alle orecchie e alla coda. E’ l’unico cane rispettato dai musulmani, aveva addirittura il diritto di dormire nella tenda con gli sceicchi e non era mai venduto, a volte regalato ad ospiti d’ onore. Anch’esso utilizzato per la caccia alla gazzella, anche in abbinamento al falco.

Azawakh o Levriero del Mali – taglia grandi e leggerissimi, color sabbia, fulvo e bruno con marcature bianche. E’ il cane dei Tuareg, un cacciatore da inseguimento per gazzelle, antilopi, conigli, pecore selvatiche ma anche un ottimo guardiano delle proprietà e degli animali.

Dal gruppo dei mediorientali origina anche il Piccolo Levriero Italiano, taglia piccola, peso 5Kg. Era utilizzato per la caccia ai conigli e ai ratti, diffuso nel Mediterraneo e in tutta Europa a partire da almeno 4000 anni fa, come testimoniano le raffigurazioni egiziane.

La successiva diffusione nei diversi continenti portò i levrieri ad adattarsi ai diversi climi (si pensi al folto mantello del levriero afgano), e alle diverse prede (il “cacciatori di lupi” per eccellenza sono il grande borzoi russo, e soprattutto il gigantesco irish wolfhound il cane più alto del mondo).

Levriero afgano – taglia grande, esiste in tutti i colori, caratteristico il pelo folto. Era utilizzato per la caccia alla gazzella, al leopardo e al cervo ora è rimasto come guardiano delle greggi.

I levrieri primitivi (primitive hounds) e i levrieri orientali (sight hounds)Borzoi– è il più massiccio tra i levrieri, utilizzato per la caccia al lupo. Caratteristiche uniche, oltre alla forza fisica, il coraggio e l’astuzia. La razza è stata mantenuta in Inghilterra dove è arrivata attraversi regali alla nobiltà, mentre in Russia veniva sterminato in quanto simbolo zarista durante la rivoluzione bolscevica.

Irish wolfhound o Levriero Irlandese – è il cane più alto del mondo, utilizzato per la caccia al lupo e all’orso; i Romani li utilizzavano nelle arene contro i leoni e gli orsi. E’ un cane coraggioso e di buon carattere ma temibile se provocato.

 

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su print
Print
Condividi su email
Email

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.