×


I Cani fanno i bisogni seguendo il campo magnetico terrestre

Uno studio ci spiega perché.


Redazione ThinkDog - 3 Maggio 2024


Nuove scoperte sulla sensibilità magnetica

I cani sono animali sorprendenti, pieni di segreti da scoprire, lo sappiamo bene.
Uno studio pubblicato su Frontiers in Zoology dal titolo “Dogs are sensitive to small variations of the Earth’s magnetic field” ha rivelato qualcosa di davvero straordinario: i cani sono sensibili alle variazioni del campo magnetico della Terra.
Angelo Vaira parla da anni della straordinaria connessione tra gli animali e il mondo che li circonda. Questa scoperta fornisce una base scientifica alla magnetorecezione animale e apre nuove porte nella ricerca.

La sensibilità magnetica nei cani

Lo studio, condotto per due anni da un team di ricercatori della Repubblica Ceca, ha dimostrato per la prima volta che i cani possiedono una sensibilità magnetica. Questo significa che possono percepire e reagire alle variazioni del campo magnetico terrestre. In particolare, i ricercatori hanno osservato che i cani mostrano un comportamento direzionale durante l’escrezione, allineando il loro corpo lungo l’asse Nord-Sud quando il campo magnetico è stabile.

Credit: Frontiers in Zoology

Implicazioni per la ricerca e l’addestramento

Questa scoperta ha profonde implicazioni per la ricerca sulla magnetorecezione animale e per l’addestramento dei cani. Ciò suggerisce che i cani potrebbero essere per noi delle guide straordinarie allo studio della variazioni del campo magnetico terrestre sugli organismi viventi ed essere addestrati per reagire a stimoli magnetici. Una capacità particolarmente utile, ad esempio per il lavoro di ricerca e soccorso dove ci vengono spesso in aiuto per trovare persone disperse.

Considerazioni finali

In conclusione, questa ricerca rappresenta un passo avanti significativo nella nostra comprensione del mondo dei cani. Ci offre un’ulteriore prova della loro straordinaria sensibilità e adattabilità. Continueremo a studiare e imparare da questi meravigliosi animali, esplorando i loro segreti e migliorando la nostra connessione con loro.

L’articolo scientifico integrale è consultabile qui: frontiersinzoology.biomedcentral.com

Referenze:
Hart, V., Nováková, P., Malkemper, E. P., Begall, S., Hanzal, V., Ježek, M., Kušta, T., Němcová, V., Adámková, J., Benediktová, K., Červený, J., & Burda, H. (2024). Dogs are sensitive to small variations of the Earth’s magnetic field. Frontiers in Zoology, 21(1), 1-13.

Dipartimento di Gestione della Fauna Selvatica e Biologia della Fauna, Facoltà di Scienze Forestali e del Legno, Università Ceca delle Scienze della Vita, 16521, Praha 6, Repubblica Ceca

Vlastimil Hart, Petra Nováková, Vladimír Hanzal, Miloš Ježek, Tomáš Kušta, Veronika Němcová, Jana Adámková, Kateřina Benediktová, Jaroslav Červený & Hynek Burda

Dipartimento di Zoologia Generale, Facoltà di Biologia, Università di Duisburg-Essen, 45117, Essen, Germania

Erich Pascal Malkemper, Sabine Begall & Hynek Burda

Autore corrispondente
Corrispondenza a Hynek Burda.